logo di graduatorie scuola

Graduatorie GPS 2024 | Ad Aprile l’aggiornamento

Aggiornamento (presumibilmente) nel mese di Aprile per le Graduatorie GPS 2024.

Dopo l’incontro tra i sindacati e il MIM la notizia ufficiosa è che l’aggiornamento delle Graduatorie GPS ci sarà presumibilmente nel mese di aprile.

GRADUATORIE GPS 2024 | NOVITÀ ASSOLUTA

  • Nell’incontro è emerso che NON SARANNO NECESSARI I 24 CFU per inserirsi nelle graduatorie e neppure i 30, 36 o 60 CFU.
  • Non sarà più possibile inviare la MAD ma, qualora si rendesse necessario, saranno le scuole ad inviare un interpello al quale i candidati potranno rispondere (ovviamente dopo l’esaurimento di tutte le graduatorie).

Graduatorie GPS 2024 per docenti: come inserirsi e aumentare il punteggio

Graduatorie GPS | Graduatorie Provinciali per le Supplenze, COSA SONO

Le GPS (GRADUATORIE PROVINCIALI PER LE SUPPLENZE) sono le graduatorie dedicate ai docenti con cui vengono assegnate le SUPPLENZE ANNUALI fino al 30 agosto o fino alla fine delle attività didattiche.

GRADUATORIE GPS | LA DIVISIONE IN FASCE:

  • GRADUATORIE PROVINCIALI DI SUPPLENZA DI I FASCIA: dedicate a chi ha già l’abilitazione per le graduatorie della Scuola dell’Infanzia, della Primaria, della Scuola secondaria di I grado e II grado e personale educativo per le graduatorie di sostegno. Rientrano nella I FASCIA, per l’insegnamento nella scuola Primaria e dell’Infanzia, anche coloro che hanno conseguito il Diploma di un Istituto Magistrale entro il 2001.
  • GRADUATORIE PROVINCIALI DI SUPPLENZA DI II FASCIA: qui rientrano gli aspiranti non abilitati e non specializzati.

Per essere inseriti nelle GRADUATORIE GPS di II fascia non serve l’abilitazione!

NB: Le Graduatorie GPS si dividono in Posti Comuni (con relativa classe di concorso) o Posti di Sostegno.

GRADUATORIE GPS relative ai POSTI DI SOSTEGNO 

Si distinguono a seconda dei gradi di istruzione della Scuola dell’Infanzia, Primaria, Secondaria di I grado, Secondaria di II grado. 

SOSTEGNO I FASCIA: per chi è in possesso dello specifico titolo di specializzazione sul sostegno nel relativo grado (TFA conseguito presso le università).

SOSTEGNO II FASCIA: per chi è privo del relativo titolo di specializzazione, che abbia maturato tre annualità di insegnamento su posto di sostegno nel relativo grado e che sia in possesso:

  • per la scuola dell’infanzia e la primaria, del relativo titolo di abilitazione o del titolo di accesso alle GPS di seconda fascia del relativo grado.
  • per la scuola secondaria di primo e secondo grado, dell’abilitazione o del titolo di accesso alle GPS di seconda fascia del relativo grado.

GRADUATORIE GPS | GRADUATORIE INCROCIATE

Come insegnare anche se nella propria classe di concorso ci sono poche possibilità

Una delle difficoltà principali che incontra chi vuole inserirsi nelle Graduatorie GPS, è proprio legata alle possibilità di insegnamento in base ai posti disponibili.

Alcune classi di concorso, come ad esempio A046, legata alle materie giuridico economiche, offre pochissime opportunità di insegnamento.

In questo caso i candidati con maggiore punteggio possono essere chiamati dalle Graduatorie Incrociate, attraverso le quali il Ministero dell’Istruzione e del Merito, per mezzo degli Ambiti Territoriali Provinciali, convoca gli utenti per insegnare sostegno come se fossero in seconda fascia. Questo a causa dell’enorme richiesta di posti di sostegno nella scuola in tutti gli ordini e gradi.

Una grande opportunità di lavoro, che altrimenti vedrebbe migliaia di persone restare a bocca asciutta.

B2 INGLESE E 4 INFORMATICHE POST FACEBOOK

GRADUATORIE GPS, COME CALCOLARE IL PUNTEGGIO E POSIZIONARSI IN GRADUATORIA

La posizione nelle Graduatorie provinciali per le supplenze dei docenti è stabilita dal PUNTEGGIO.

Il punteggio si ottiene dall’esperienza raggiunta nell’ambito dell’insegnamento (quindi dal cosiddetto punteggio di servizio), dai titoli di studio e dalla specializzazione conseguita in ambito accademico.

È fondamentale aggiornare il proprio curriculum e acquisire sempre nuove competenze ma che siano chiaramente certificate, soprattutto in vista della riapertura delle Graduatorie GPS, che sono aggiornate periodicamente dal Ministero dell’Istruzione e del Merito. L’ultimo aggiornamento risale alle Graduatorie GPS 2022 e ora è atteso proprio per l’anno in corso, il 2024. 

GRADUATORIE GPS | La valutazione dei titoli si fa in base a una TABELLA RICONOSCIUTA dal Miur (oggi MIM) che chiarisce come conseguire punteggio.

  • Master di I e II livello annuale 1500 ore – 60 CFU | 1 punto
  • Corso di perfezionamento annuale 1500 ore – 60 CFU | 1 punto
  • Corso CLIL | 3 punti

(In quest’ultimo caso, se inserito insieme a una certificazione linguistica di livello almeno B2 altrimenti 1 solo punto).

CERTIFICAZIONE INFORMATICA, NON SOLO PER LA SCUOLA PER QUALSIASI AMBITO LAVORATIVO

Non si può nemmeno immaginare un docente, un insegnante di qualsiasi materia o disciplina, che non sappia utilizzare il pc. Impensabile avere in cattedra un docente che sappia maneggiare pc, tablet o smartphone meno o in modo meno veloce e efficace dei propri studenti. Eppure oggi il divario in termini di digitalizzazione e uso di strumenti digitali tra chi siede tra i banchi e chi invece è davanti a una lavagna (per lo più ormai digitale appunto) è ancora evidente.

Perché, diciamoci la verità, non è una laurea conseguita all’Università che ci permettere di stare dietro a una “Generazione X” che guarda al personale docente come guarderebbe un “Boomer” qualsiasi. E questo non per mancanza di rispetto o di timore reverenziale nei confronti della categoria ma semplicemente perché chi siede in cattedra, a volte, non ha proprio gli strumenti necessari per essere al passo con la transizione in termini di tecnologia.

Bisognerebbe anche capire una volta per tutte poi, che i corsi che rilasciano una certificazione digitale, non sono spendibili solo nel mondo della scuola ma diventano fondamentali in qualsiasi altro ambito lavorativi.

In primis, parlando in termini di scolarizzazione, oramai i libri cartacei, quando trovano una struttura scolastica in grado di supportare l’innovazione tecnologica, sono in via di estinzione. I vecchi libri che dopo qualche mese di scuola custodivano ormai pagine stropicciate e ingiallite, a breve saranno completamente sostituiti da cd e altri supporti informatici. Si può davvero pensare che un docente possa trovarsi impreparato davanti a tale cambiamento?

Non dimentichiamo nemmeno che le vecchie chat di whatsapp, con l’emergenza della pandemia da covid, sono già state completamente sostituite da applicazioni con cui il corpo docente comunica in tempo reale qualsiasi tipo di informazione alle famiglie oltre che ad alunni e a studenti.

Partendo dal presupposto che difficilmente il progresso tecnologico prenderà la strada del ritorno, è chiaro che bisogna fare un passo avanti e pretendere una uniformazione in tema di digitalizzazione che va oltre i limiti di età e delle sole esperienze sul campo con libri e vocabolari pesanti da portare sotto il braccio.

Inoltre, le competenze digitali, come dicevano, sono da inserire necessariamente non solo nel curriculum di un docente ma sono da considerare proprio come punto base per qualsiasi concorso o selezione, senza riconoscere il perimetro del Paese Italia. Perché ormai si tratta di competenze riconosciute a livello internazionale.

CERTIFICAZIONI LINGUISTICHE, PERCHÉ È FONDAMENTALE AVERLE

Stesso discorso andrebbe ragionato in termini di riconoscimento del livello di lingue straniere riconosciute. In un’epoca in cui ci si siede in classi in cui gli studenti arrivano da ogni parte del mondo, non è proprio ragionevole credere che non siano necessarie più lingue per comunicare correttamente, velocemente e in modo concreto, con i propri studenti.

Sulla stessa linea d’onda andrebbe fatta una riflessione su come, se da un lato è vero che i figli degli immigrati parlano in italiano perfettamente, essendo nati in Italia, dall’altro, spesso i loro genitori sono rimasti “isolati” in un modo del lavoro che ha dato la priorità al lavoro manuale e eseguito senza necessità di imparare la lingua del Paese in cui far crescere i propri figli. E pertanto rimane fondamentale acquisire competenze in più lingue, così da poter in ogni momento essere pronti ad accogliere e scambiare informazioni anche con famiglie. Solo in questo modo si potrebbe parlare correttamente e onestamente di integrazione e condivisione oltre ogni “confine”.

I Nostri Corsi Online

graduatorie scuola

Vuoi aumentare il tuo
Punteggio nelle GPS?